Sixties

Sixties

Sixties

Ristrutturazione conservativa a Verona

Si tratta di una ristrutturazione avvenuta nel 2017 presso il quartiere di Ponte Crencano a Verona. L’appartamento risalente agli anni ’60 è stato oggetto di riqualificazione conservativa: abbiamo messo in risalto finiture e materiali dell’epoca attraverso il recupero del pavimento in graniglia e nell’impiego delle porte d’interni opportunamente restaurate.

Abbiamo rimaneggiato la distribuzione degli spazi unendo cucina e soggiorno con una nuova apertura che estende le stanze. La cucina ora comunica con il soggiorno e i pavimenti diversi, in marmette di graniglia in cucina e marmette con agglomerati di marmo in soggiorno, sono accordati da una lastra in marmo chiaro, in armonioso contrasto con lo stile moderno della cucina bianca.

Oggetto di attenzione e ricerca è stato lo sviluppo della grafica del corridoio. Per tale elemento abbiamo reinterpretato la carta da parati con una grafica dipinta direttamente su muro, studiata con l’artista Eugenio Filippi in arte MENT. Ne è uscito un progetto di triangolazioni mixate dai colori contrastanti, mai troppo pesanti, con la funzione di trasformare un corridoio in una stanza di collegamento in cui i dettagli guidano l’attenzione del nostro sguardo.

Il bagno è stato reinterpretato in chiave moderna: si è dato valore ai porta sapone in ceramica nera degli anni ’60 posizionati su rivestimento in resina color cipria, alternativa “contemporanea” all’uso delle piastrelle, dall’effetto “finta boiserie”.

PUBBLICAZIONI